restauro dell’abbazia del goleto

6 novembre 2011

.

.

Questo articolo è stato revisionato e aggiornato in data 17.1.2017 e pubblicato QUI

ABBAZIA del GOLETO  |  immagini, testi, storia, restauro

.

.

cliccare per ingrandire

cliccare per ingrandire

cliccare sulle foto per ingrandire (c) angelo verderosa studio

info correlate premio inarch



piccoli paesi _ video

29 luglio 2011

PICCOLI PAESI, il video (4 min.) presentato da Angelo Verderosa al convegno ‘piccoli paesi’ tenuto a Cairano il 29 luglio 2011

testi, foto, montaggio _ angelo verderosa

musiche _ ezio bosso

nelle immagini : sant’angelo dei lombardi, cairano, sant’andrea di conza, castelfranci, calitri, nusco, abbazia del goleto


Premiazione INARCH 6 maggio 2011

4 maggio 2011

INarch invito 2011

INarch locandina 2011

comunicato stampa INarch

CERIMONIA DI PREMIAZIONE

Si terrà venerdì 6 maggio 2010 alle ore 16.00 presso il teatrino di corte di Palazzo Reale a Napoli la cerimonia di consegna dei premi CAMPANIA IN/ARCHITETTURA 2010.

Programma:

Conduce: Alfonso Ruffo direttore de Il Denaro

Stafano Gizzi  soprintendente per i Beni Architettonici Paesaggistici Storici Artistici ed Etnoantropologici per Napoli e Provincia – Pasquale Belfiore presidente InArch Campania, Rodolfo Giradi Presidente ACEN, Massimo Pica Ciamarra vicepresidente nazionale InArch, Ambrogio Prezioso presidente AFM – Edilizia,  Adolfo Guzzini Presidente nazionale InArch

Sergio Stenti: l’architettura contemporanea in campania progettisti premiati

Cerimonia di premiazione:

premio per un INTERVENTO DI RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA – interventi di conservazione

vincitore:
Abbazia del Goleto – progettista: Angelo Verderosa

Leggi il seguito di questo post »


PREMI INARCH CAMPANIA

20 aprile 2011

PREMI INARCH CAMPANIA _ di Diego Lama

premio per un INTERVENTO DI RIQUALIFICAZIONE EDILIZIA – interventi di conservazione 
VINCITORE Abbazia del Goleto – Angelo Verderosa 

Che un giornale abbia vinto un premio è già una notizia. Quando poi il giornale è il Corriere del Mezzogiorno e il premio è un riconoscimento legato all’architettura (Premio InArch Campania) allora la notizia è speciale. Ma non è una sorpresa. Da anni il Corriere si occupa di architettura; ha cominciato a farlo intervistando i grandi architetti del pianeta e occupandosi di temi importanti, ma assumendo sempre posizioni critiche, difficili, temerarie, spesso in favore dei giovani, della contemporaneità, del futuro, contro la conservazione ottusa, contro il vincoliamo selvaggio, contro l’ideologismo regolatore (non oggi, che è semplice, ma più di dieci anni fa, in pieno “Risorgimento napoletano”). Ha cercato di far capire al grande pubblico come l’architettura contemporanea poteva trasformare la città con iniziative come la Fabbrica delle Idee, che per mesi ha suscitato un acceso dibattito tra i lettori. Ha preso posizione nei confronti dell’edilizia del novecento tentando di salvare ciò che di buono c’è stato nel fenomeno tristemente noto come le “mani sulla città”.

Leggi il seguito di questo post »


Il Giornale dell’Architettura – marzo 2010

29 marzo 2010

marzo 2010 / il Giornale dell’Architettura, Allemandi Editore, inserto speciale per Ferrara Salone del Restauro : l’Abbazia del Goleto tra i migliori restauri italiani 2009

http://www.ilgiornaledellarchitettura.com/articoli//2009/10/100635.html

Il Giornale dell’Architettura – Numeri e nomi del progetto.


abbazia del goleto / I RESTAURI recenti/ gli ambiti di riqualificazione / crediti / dati / info

8 marzo 2010

12.   I RESTAURI recenti

gli ambiti di riqualificazione / crediti / dati / info

 … << Il Progetto integrato abbazia del Goleto è partito nel 2004, co-finanziato dal Por Campania 2000-2006. L’Accordo di programma tra Soprintendenza, Comune e Arcidiocesi, con la progettazione e la direzione lavori di Angelo Verderosa, ha mirato a realizzare il completamento-ricostruzione del primo livello del monastero (abitato dai monaci) e a rendere funzionale l’abbazia, recuperando inoltre l’invaso spaziale di accesso e realizzando un punto ristoro. Il monastero oggi ospita 20 posti letto e potrebbe diventare il nucleo di un sistema turistico – anche religioso – dell’Alta Irpinia. Leggi il seguito di questo post »


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: