Stati generali dell’Alta Irpinia

5 dicembre 2011

L’Alta Irpinia, e in generale i ‘piccoli paesi’ della dorsale appenninica meridionale, hanno urgente necessità di proposte serie e realistiche; hanno bisogno di una nuova progettualità condivisa dalla società e non più calata dall’alto. I paesi che compongono l’Alta Irpinia, da Montella a Monteverde (tanto per iniziare da un ambito che più o meno si riconosce nell’ex-comunità alta irpinia), dovrebbero esprimere un movimento civico qualificato, ramificato; devono uscire dall’ombra dei tanti campanili e mettersi assieme per superare l’isolamento e avere propria ‘voce’.
I piccoli paesi hanno bisogno di leader politici disposti a conoscere e ad ascoltare il vasto territorio; hanno bisogno di partiti politici e istituzioni depurati dai vizi storici del clientelismo, dell’accentramento e del super protagonismo.
I piccoli paesi hanno necessità di efficienza, di razionalizzazione delle risorse, di rappresentanza ai tavoli decisionali; non è più possibile delegare ai pochi.
Leggi il seguito di questo post »



Il grano che cresce in Oriente, riflessioni sul parco rurale

8 luglio 2010

Paesaggio irpino con grano Senatore Cappelli _foto verderosa

IL MATTINO 7.7.2010 _   Nella sua tenuta agricola «La Turchina», vicino Viterbo, la giovane Loretta Di Simone, laureata in giurisprudenza, ha riseminato il grano «Senatore Cappelli». Aveva ritrovato, per caso, un vecchio sacco di semi.

Anche in Alta Irpinia, specie sul Formicoso, si coltivava fino a pochi anni fa quella particolare varietà di grano che porta il nome del fautore della riforma agraria negli anni ’30. Le spighe erano alte quanto un uomo. Loretta Di Simone ha avuto successo: il «grano Cappelli» , essendo un seme antico, ha un glutine molto digeribile e facilmente tollerabile, ricco di proteine; ha ottenuto una pasta buona, di sapore, certificata dall’Università di Firenze come salutare. Loretta ha ripreso l’attività agricola della famiglia con due obiettivi aggiunti : riavvicinare i giovani all’agricoltura e rieducare le persone ad essere consapevoli di quello che quotidianamente mangiano.

Tutti avranno notato nell’ultimo mese la martellante campagna informativa del Ministero delle Politiche Agricole su quotidiani e riviste: «L’agricoltura italiana punta sui giovani, l’agricoltura a beneficio di tutti»; «Le aree rurali per uno sviluppo sostenibile; le nuove sfide dell’agricoltura: imprese giovani ed efficienti per valorizzare i prodotti del territorio e tutelare ambiente e paesaggio».

Leggi il seguito di questo post »


CAIRANO 7 volte 7

21 gennaio 2009

schizzo stazioni

schizzo stazioni

CAIRANO 7 volte 7

 

L’obiettivo è far conoscere e amare CAIRANO. Per ‘comunicare’  Cairano non bastano foto e scritti, bisogna arrivarci e respirarne l’aria; vedere da lassù l’Ofanto e il Vulture e poi il Formicoso. E se ci ritorni, ogni mese ti donerà colori diversi e profumi particolari. Sempre più difficile, però, ormai ascoltare i suoni degli abitanti e i profumi delle cucine nei vicoli. E’ come se la natura all’intorno, man mano che il paese si svuota, si stesse riappropriando del centro antico e delle sue nobili e sofferte pietre. L’evento deve riproporre un sogno: il paese nel suo massimo splendore, Leggi il seguito di questo post »


NO alla mega discarica in irpinia – SI al PARCO REGIONALE del’IRPINIA d’ORIENTE

1 maggio 2008

LEGGI LA LETTERA APERTA A DE GENNARO, inserisci un commento, partecipa al dibattito in corso 

PROMUOVI ANCHE TU IL PARCO REGIONALE IN IRPINIA (cliccare sul link seguente)

http://comunitaprovvisoria.wordpress.com/2008/04/30/lettera-aperta-a-de-gennaro/


PRIMAVERA IRPINA / calitri 24.4.2008

12 aprile 2008

per SCARICARE LOCANDINA e INVITO in PDF, cliccare sui link seguenti locandina-33×66-2   invito_fronte1   invito_retro1

comunicato stampa a cura dell’Istituto Maffucci di Calitri

“PRIMAVERA IRPINA, la scuola apre al territorio” questo lo slogan della manifestazione che si terrà Giovedì 24 aprile all’Istituto “Maffucci” di Calitri, diretto dal preside Gerardo Vespucci.

Leggi il seguito di questo post »


dopo annozero

22 febbraio 2008

LETTERA  ai  VERDI, a SD, a Sinistra l’Arcobaleno  – dopo ‘ANNOZERO’ 

ieri sera ( 21.2.08 ) ad annozero pecoraro continuava a sorridere e a muovere gli zigomi _ nonostante le immagini dell’immane disastro della campania _ nonostante la scientificità dei dati di brunetta, sodano, raniero  e altri… lui sorrideva; e faceva sempre sì con la testa; qualunque cosa gli altri dicessero, faceva sì; nervosamente, ma sorrideva; in fondo, l’orrore di ‘biutiful cauntri’ era diretto anche lui.

aspettavamo quindi a chiusura di trasmissione qualche sua riflessione come ministro dell’ambiente, Leggi il seguito di questo post »


MUSEO DIOCESANO in Alta Irpinia

1 gennaio 2002

.

.

.

QUESTO POST E’ STATO REVISIONATO ED AGGIORNATO in data 17.1.2017 e pubblicato in  ‘VERDEROSA studio’ con FOTO;  clicca QUI

.

MUSEO DIOCESANO

.

.

MUSEO DIOCESANO in Alta Irpinia

Arcidiocesi di Sant’Angelo dei Lombardi – Conza – Nusco – Bisaccia

Leggi il seguito di questo post »


Restauro e ricostruzione della Chiesa Madre di Cairano _ pubblicazione

1 giugno 1994

a cura di Angelo Verderosa

Restauro e ricostruzione della Chiesa Madre di Cairano – – – Ed. Curia Arcivescovile di S.Angelo d.L. Conza Nusco Bisaccia – – – Tipolitografia F.lli Pannisco – Calitri 1994 – 60 pagine

angelo verderosa

per scaricare la pubblicazione in pdf (15 Mb) cliccare sulla copertina o sul link seguente RESTAURO E RICOSTRUZIONE DELLA CHIESA MADRE DI CAIRANO


Conza della campania: strumenti urbanistici

13 novembre 1986
ALTA IRPINIA: INDIVIDUAZIONE DI UNA METODOLOGIA PROGETTUALE
 102.jpg

Conza della Campania: strumenti urbanistici

13 novembre 1986

ALTA IRPINIA: INDIVIDUAZIONE DI UNA METODOLOGIA PROGETTUALE103.jpg


Conza della Campania :strumenti urbanistici (piano di zona)

13 novembre 1986

ALTA IRPINIA: INDIVIDUAZIONE DI UNA METODOLOGIA PROGETTUALE

104.jpg


Lioni: attrezzature per il centro urbano (il municipio)

13 novembre 1986

ALTA IRPINIA: INDIVIDUAZIONE DI UNA METODOLOGIA PROGETTUALE

105.jpg

 


Lioni: attrezzature per il centro urbano (il municipio)

13 novembre 1986

ALTA IRPINIA: INDIVIDUAZIONE DI UNA METODOLOGIA PROGETTUALE

106.jpg

 


Lioni: attrezzature per il centro urbano

13 novembre 1986

ALTA IRPINIA: INDIVIDUAZIONE DI UNA METODOLOGIA PROGETTUALE

studio per un asse attrezzato fra centro antico e nuovo insediamento

107.jpg


Lioni: attrezzature per il centro urbano (il parco e la piazza)

13 novembre 1986

ALTA IRPINIA: INDIVIDUAZIONE DI UNA METODOLOGIA PROGETTUALE

108.jpg


Lioni: attrezzature per il centro urbano (la piazza e le attrezzature)

13 novembre 1986

ALTA IRPINIA: INDIVIDUAZIONE DI UNA METODOLOGIA PROGETTUALE

110.jpg


La struttura territoriale dell’ambito di intervento

13 novembre 1986

ALTA IRPINIA: INDIVIDUAZIONE DI UNA METODOLOGIA PROGETTUALE111.jpg


Individuazione dei nodi, delle aree omogenee, dei poli e della struttura essenziale di un’area urbana

13 novembre 1986

ALTA IRPINIA: INDIVIDUAZIONE DI UNA METODOLOGIA PROGETTUALE

112.jpg


Principio del recupero del preesistente: la conservazione integrata

13 novembre 1986

ALTA IRPINIA: INDIVIDUAZIONE DI UNA METODOLOGIA PROGETTUALE

113.jpg


Integrazione fra vari tipi di attrezzature come elemento di riconnessione urbana

13 novembre 1986

ALTA IRPINIA: INDIVIDUAZIONE DI UNA METODOLOGIA PROGETTUALE1141.jpg


Struttura, forma e materiali

13 novembre 1986

ALTA IRPINIA: INDIVIDUAZIONE DI UNA METODOLOGIA PROGETTUALE

115.jpg


Luoghi, percorsi e piazze: i vuoti elementi significativi della struttura urbana

13 novembre 1986

ALTA IRPINIA: INDIVIDUAZIONE DI UNA METODOLOGIA PROGETTUALE116.jpg

 


Municipio di Lioni : schizzi

13 novembre 1986

ALTA IRPINIA: INDIVIDUAZIONE DI UNA METODOLOGIA PROGETTUALE202.jpg


Municipio di Lioni: schizzi

13 novembre 1986

ALTA IRPINIA: INDIVIDUAZIONE DI UNA METODOLOGIA PROGETTUALE204.jpg


Lioni: sistemazione Piazza della Vittoria

13 novembre 1986

ALTA IRPINIA: INDIVIDUAZIONE DI UNA METODOLOGIA PROGETTUALE2051.jpg


Lioni: sistemazione Piazza della Vittoria

13 novembre 1986

ALTA IRPINIA: INDIVIDUAZIONE DI UNA METODOLOGIA PROGETTUALE206.jpg


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: