Dedicazione Piazza a P.Lucio Maria De Marino

7 gennaio 2008
17385.jpg    scritto a due mani, Enzo Maddaloni e Angelo Verderosa _ tratto da http://comunitaprovvisoria.wordpress.com/2008/01/05/dal-goleto-a-castel-del-monte-con-la-moto-di-federico-ii/ 

Ieri sera, “viaggiando”, come al mio solito con la testa tra le nuvole dell’alta irpinia, sono arrivato all’Abbazia del Goleto… stavolta mi sono perso davvero e sono arrivato un pò tardi. Mi sono perso la prima parte (è stato ricordato un monaco benedettino, P.Lucio, che ha riaperto l’Abbazia 200 anni dopo la soppressione napoleonica; l’Abbate di Montevergine si oppose per 10 anni al proposito di P.Lucio; nel 1973 P.Lucio partì da Montevergine senza un libro e senza un abito di ricambio; con Lui l’Abbazia è risorta) . In compenso ho sentito la Messa …era parecchio tempo. Angelo è stata una “guida” speciale Leggi il seguito di questo post »

Annunci

Dedicazione Piazza, passaggi stampa

4 gennaio 2008

4 gennaio 2008 

cliccare sulle immagini per ingrandire e leggere

quotidiano_corriere.jpg

quotidiano_otto-pagine.jpg


Dedicazione Piazza, manifesto

4 gennaio 2008

4 Gennaio 2008

Dedicazione della nuova Piazza antistante l’Abbazia del Goleto a P. Lucio Maria de Marino

cliccare sull’immagine per ingrandire (grafica accanto srl)

locandina-dedicazione.jpg


PIAZZA a GUARDIA

23 luglio 2007

Caro Cipriano, a causa dei misteri insondabili di internet, leggo solo ora il tuo messaggio/poesia.

Piazza
Il progetto è stato rimaneggiato, nella parte finale del cantiere, in loco dall’ufficio tecnico – amministrazione, che per le finiture più importanti hanno deciso di procedere e appaltare in proprio : panchine, dissuasori, chiusini, fontana; gli alberi erano previsti di tiglio ….
Ritengo comunque che ne è scaturito uno spazio vero, omogeneo, di belle proporzioni;
uno dei pochi in irpinia rimasto al centro dell’abitato e pavimentato interamente in pietra.
Le imperfezioni sono lette dagli occhi più acuti; anche per me è sofferenza vedere più le cose non fatte alla perfezione che il senso complessivo dell’intervento. Mi rinfrancano le corse dei bambini sullo spazio protetto e i ragazzi che si siedono sui gradoni e ai piedi della stele.


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: